Juggling magazine

dettagli workshop 2016

sezione in fase di completamento

 

 

masterclass in aerea, acrobatica, equilibrismo

Tre focus su acrobatica aerea, equilibrismo e acrobatica al suolo, faclitati dagli operatori italiani che hanno partecipato alle masterclass del progetto europeo PEYC, durante le quali hanno avuto l'opportunità di confrontarsi sulle specifiche discipline con 18 operatori esperti di 9 paesi.

 

 

Acrobatica a coppie e al suolo

conduttori: Stefano Bertelli e Marco Merlini

Riproporre e condividere con tutta la platea del meeting, questo bellissimo momento di scambio. Sara questo lo scopo che ci prefiggiamo nel riportare l’esperienza di Helsinki. Lavoreremo insieme creando momenti di confronto e attività, al fine di approfondire le dinamiche e le competenze che stanno dietro all’apprendimento delle discipline acrobatiche di base (acrobatica al suolo e di coppia). Ma il tutto sarà sviluppato con la stessa metodologia. Affronteremo le fasi di riscaldamento e defaticamento, sicurezza e assistenza, giochi di crescita e sviluppo acrobatico, e cercheremo di approfondire e sviluppare un focus sulla programmazione e sviluppo dell’acrobatica. Il tutto sarà fatto mantenendo la linea della condivisione e del libero confronto sui temi da parte dei partecipanti

 

 

Acrobatica aerea

conduttori: Marika Riggio e Valentina Caiano

La masterclass mira ad aumentare le competenze, la motivazione e l'identità professionale dei formatori di circo fornendo loro nuovi strumenti pedagogici ed è soprattutto un'opportunità per lo scambio di competenze e buone pratiche con altri insegnanti di grande esperienza.
Durante la masterclass di acrobatica aerea si affronteranno vari aspetti dell'insegnamento concentrandosi su vari temi: tecniche di insegnamento e dinamiche di gruppo, sicurezza fisica e assistenza, anatomia, costruzione di una lezione e rigging, intervallati da momenti di scambio tra i vari partecipanti alla masterclass che potranno proporre attività legate alle fasi di lavoro come riscaldamento e defaticamento, creazione di un numero tutto in chiave ludica. Tanti giochi attraverso i quali riuscire a raggiungere i vari obiettivi che il circo pedagogico si prefissa. Importanti i momenti di confronto con libero scambio e condivisione oltre che personale anche di tecniche d'insegnamento e assistenza agli allievi.

 

 

Equilibrismo

conduttori: Novella Morellini e Valentin Hecker

Durante il Meeting riporteremo principalmente tre aspetti della masterclass di equilibrismo: Skill sharing - condivisione di competenze- Preparazione di warm up e giochi sull'equilibrio e condivisione di nozioni specifiche sulle tecniche, tenendo workshops gli uni agli altrii. Una metodologia di scambio continuo, dividendoci per discipline specifiche dell'equilibrio e confrontandoci sulle diverse tipologie di programmazione pedagogica,anche in base a diffenti durate ( dal workshop ai progetti  settimanali, mensili, annuali o stabili ).  Inoltre  illustreremo alcuni aspetti  del  lavoro di Philippe Brasseur, che ha tenuto il workshop all'interno della masterclass  “Possiamo insegnare la creatività?".

 

 

 

Masterclass: tra innovazione e pedagogia

conduttori: gruppo docenti delle masterclass

I relatori delle masterclass si riuniranno in questa sezione per proporre a tutti gli operatori un lavoro collettivo di riflessione e approfondimento sulla pedagogia del circo, partendo dalla restituzione degli spunti e del materiale di lavoro ricevuti durante il progetto PEYC, come quello di Steven Desanghere sul supporto dell’identità degli allievi attraverso il circo.

 

 

 

 

 

laboratori e workshop sulla pedagogia del circo

Un percorso laboratoriale con allievi delle scuole secondarie superiori e percorsi di  contaminazioni di genere, circo-teatro, danza, espressione del corpo, studio della tecnica. Gli operatori saranno come sempre liberi di scegliere e "zigzagare" tra le varie proposte.

 

 

Tip-tap performer

conduttrice: Anna Saragaglia
workshop riservato ad un massimo di 15 persone

Il laboratorio è rivolto ad attori, professionisti dello spettacolo,  circensi, o chiunque sia interessato ad apprendere le tecniche basi del tip tap.
Obiettivo principale del lavoro è dare la  possibilità ad ogni partecipante  di realizzare un numero performativo singolo o di gruppo che contenga non solo elementi di tip tap ma anche altre tecniche  performative (ad esempio: canto- giocoleria- magia- trasformismo-burlesque-recitazione-teatro di figura- bolle di sapone…).
Verrà dedicata attenzione all’apprendimento di alcuni passi di Tip Tap di piccole sequenze ritmiche e di semplici coreografie, e nel finale alla creazione di mini-performance e loro messa in scena.
In mancanza di scarpe da tip tap i partecipanti possono indossare delle scarpe con le suole in cuoio (es. scarpe con i lacci e con un pochino di tacco, scarpe “Oxford”, scarpe da carattere). Non sono ammesse: ballerine, ciabatte, scarpe da ginnastica, scarpe con la suola di gomma.
E’ consigliato portare con sé il materiale di lavoro utile alla realizzazione della performance finale, ma in mancanza di idee o capacità particolari verranno messe a disposizione soluzioni alternative e sicuramente originali che nasceranno da un lavoro d’improvvisazione di gruppo.



 

 

Acrobatica Excentrica

conduttrice: Elena "Lelè" Cavaliere

I grandi “Charles Chaplin e Buster Keaton”…furono i fondatori di questa arte tanto comica quanto complicata.
La tecnica parte dall’acrobatica di base e dallo studio sulla destrutturazione del movimento unita alla memoria gestuale e a una divertente preparazione fisica con pennellate di giochi clowneschi.
Questa tecnica di espressione corporale, provoca risate e stupore per la sua difficoltà acrobatica svolta in forma ridicola e maldestra, insomma una perfetta miscela di clown e acrobatica.
Differenti forme di cadere, inciampare e scivolare, unite all’arte dello slapstyck, finti schiaffi e monellerie varie,saranno il succo di questo laboratorio.  





 

 

Visual Juggling

conduttore: Maurizio Orlando
numero max partecipanti 15-20

La giocoleria moderna si sta definendo sempre più come un'arte di tipo visivo che sfrutta i concetti della fisica, per affascinare, sorprendere ed emozionare pubblico di diverso tipo. 
 
Nella prima fase di questo workshop, i partecipanti apprenderanno le tecniche fondamentali dei:
- Lanci sincronici (lanci contemporanei di due o più oggetti effettuati con entrambe le mani)
- Lanci multiplex (lanci contemporanei di due o più oggetti effettuati con una sola mano)
- Body throws (lanci che coinvolgono direttamente una parte del corpo)
 
Successivamente, verranno introdotti degli schemi di giocoleria con palline (da 3 a 5 palline), che combinano le tecniche dei lanci sincronici, lanci multiplex e body throws.

Questi schemi potranno essere impiegati per:
- inserire movimenti durante le sequenze di giocoleria
- creare forme di impatto visivo nell'aria
- inserire transizioni e stop durante sequenze di giocoleria.
- creare nuove starts (partenze)
- coinvolgere parti del corpo durante le sequenze di giocoleria

Requisiti:
- Ai partecipanti è consigliato di indossare abiti comodi e di portare con sé una bottiglia d’acqua
- solida cascata a 3 palline e controllo della fontana a 4
- preconoscenza di qualche body throw

Attrezzo di lavoro: palline.

Livello: Medio (qualche schema potrebbe essere adatto a un livello più avanzato ma i contenuti saranno adattati in base al livello dei partecipanti)


 

 

 

 

 

Giocoleria e Movimento

conduttore: Maurizio Orlando
numero max partecipanti 15-20

Il primo oggetto che il giocoliere deve comprendere è il proprio corpo.
Capire come muoverlo, come si relaziona con l’ambiente circostante e come interagisce con gli oggetti, ci aiuterà a trovare il proprio modo di fare le cose.
Nella prima fase, i partecipanti esploreranno l’impulso come tecnica di movimento delle parti del corpo, come variare le dinamiche del movimento, come esplorare le innumerevoli vie che conducono il proprio corpo a prendere forma e proiettare se stessi nello spazio.  
Successivamente, saranno insegnati patterns di manipolazione con 3, 4 e 5 oggetti, che non richiedono necessariamente un solido background tecnico.
Nell’ultima fase, sarà richiesto partecipanti di applicare i movimenti esplorati ai patterns di manipolazione imparati, combinandoli in maniera creativa e del tutto personale.
Ai partecipanti è consigliato di indossare abiti comodi e di portare con sé una bottiglia d’acqua
Per una questione pratica si lavorerà con le palline, ma i contenuti del workshop sono adatti anche a clave e cerchi.
Aperto a tutti i livelli


 

 

 

 

 

Danza Contemporanea

conduttrice: Valentina Sordo

L’obiettivo di questo workshop è quello di approfondire i principali elementi della danza contemporanea, sperimentandoli con il proprio corpo, per poterli poi trasmettere ai fanciulli.
Ascolto e utilizzo del peso per danzare, equilibrio e disequilibrio, mobilità della colonna vertebrale, discesa e risalita da terra, il giro, il salto, saper interpretare una musica, creare una sequenza di movimenti.
Affronteremo lo studio della danza mettendoci nei panni dei bambini e affronteremo elementi tecnici e espressivi in modo ludico e giocoso.
Lo stage è aperto a tutti. Abbigliamento comodo, calze di cotone (non anti-scivolo), ginocchiere, sono consigliate"


 

 

 

 

 

Il clown nell'Educ-Azione

conduttore: Daniele Zucca
max 20 partecipanti


Il laboratorio di "Il clowning nell'Educ-Azione" si articola attraverso un "viaggio" di gruppo dove la figura del clown diventa un  percorso di lavoro ludico-educativo che andrà a creare, attraverso una serie di giochi e attività tipiche del clown, uno spazio volto a comprendere gli aspetti fortemente psico-educativi che il clown, questo "strano" maestro, porta in sè. Durante il laboratorio, che si configurerà come uno spazio attivo di apprendimento, si illustreranno le principali teorie legate al metodo EDEL (Zucca 2011;2014) ed all'utilizzo del clowning in un approccio psico-pedagogico all'interno dei contesti scolastici ed extrascolastici, al fine di sviluppare gli aspetti corporei,cognitivi ed emotivi dei partecipanti….Un modo per divertirsi ed educare… dai 3 ai 90 anni…

 

 

 

 

 

Power of Games, non solo giochi

Conduttrice: Elena Giussani

Giocare è crescere, e crescere giocando è il migliore dei modi possibili. Ma dietro ai giochi esiste un mondo a volte sconosciuto. Interventi che esplorano questo vasto mondo, pedagogia del gioco, proposte di nuovi giochi game sharing etc

 

 

 

 

 

nel dopo pranzo: per riattivare i neuroni

Giulivo's Break

Ritorna quest’anno Giulivo con i suoi graditissimi Break, una serie di giochi e attività della durata di 15-20 minuti da svolgere subito dopo pranzo, per riattivare l’energia e gli animi degli operatori prima di ricominciare le attività dopo la pausa pranzo.
Movimento, coordinazione, ascolto degli altri, ritmo, energia..... E giocoleria!!!!

 

 

 

 

 

 

Circo Sociale: progetto Altro Crco

Il team di AltroCirco, progetto di Giocolieri e Dintorni per lo sviluppo del circo sociale in Italia, coordinerà un momento di incontro/confronto nazionale per condividere i risultati delle attività appena concluse e gli obiettivi di quelle in corso.

 

Presentazione output Conferenza Altra Risorsa

In occasione del Meeting verranno illustrati e presentati i risultati e gli output della conferenza internazionale Altra Risorsa 2016. La  seconda edizione del convegno
Altra  Risorsa è stata dedicata alle arti circensi come strumento di inclusione e di  lavoro artistico e sociale con persone con diverso tipo di disabilità, fisica o mentale. L’iniziativa, patrocinata  dal Comune di Firenze, ed altri prestigiosi enti come la  Fondazione Patrizio Paoletti e l’Ordine degli Psicologi della Regione Toscana, era rivolta agli artisti interessati a trasmettere le discipline circensi e a tutti gli operatori del settore  educativo, sociale  e sanitario, che operano sia in  ambito  pubblico che  privato, con  l’obiettivo  di diffondere su tutto il territorio  nazionale  metodologie, strategie  e  buone  prassi efficaci per la promozione dell’integrazione  sociale  delle persone con disabilità.

 

FIX Live! Presentazine percorso formativo FICS

FIX live!
Una presentazione interattiva della Formazione Italiana in Circo Sociale, formazione continua per operatori di circo e educatori che vogliono porre le loro competenze artistiche al servizio del sociale. Il programma, definito in collaborazione con i formatori del Cirque du Monde e i pedagoghi della Fondazione Patrizio Paoletti, e in collaborazione con l'Univerità di Tor Vergata (Roma), vuole permettere a operatori, artisti, educatori e ai responsabili delle scuole di circo, di evolvere nelle loro pratiche, di strutturare una metodologia consapevole e di confrontarsi con nuovi orizzonti e modalità per promuovere il circo come strumento di intervento e trasformazione educativa e sociale. Nella presentazione verranno toccate alcune delle macrotematiche sviluppate all'interno del percorso annuale attraverso dinamiche e riflessioni che coinvolgeranno direttamente i partecipanti. Modalità esperienziale per conoscere da vicino la proposta formativa, per tutti gli interessati al settore.

 

 

Progetto CircoSfera: Focus Group

Il progetto CircoSfera ha raggiunto in questi anni una dimensione e un'articolazione, di grande rilievo. Il Meeting ci offre l'opportunità di riflettere e lavorare insieme su temi di interesse collettivo e sullo sviluppo del settore. Una fascia oraria verrà dedicata per questo nel tardo pomeriggio esclusivamente a focus group, con modalità partecipative attive e non-formali. 

 

focus group: Networking e collaborazioni

Facilitatore: Elena Giussani

Come può il progetto CircoSfera  stringere le file del network e intensificare il dialogo e la collaborazione tra le scuole, gli operatori. gli allievi? Alla luce delle difficoltà incontarte in questi ultimi anni, come assicurare continuità e risorse a un importante appuntamento per tutto il settore come il Meeting?  Come facilitare la partecipazione delle scuole ai festival di circo educativo attivi in Italia? Come facilitare lo sviluppo del circo educativo nelle regioni italiane dove è ancora poco diffuso? Rappresentiamo le scuole italiane presso istituzioni internazionali, come la EYCO (European Youth Circus Organization) o i progetti di circo sociale presso il network Caravan. Come assicurare continuità a questi importanti partenariati e tenere aperti i ponti con le altre realtà europee?

 

focus group: Schemi di scambio europei

Facilitatore: Gabriella Baldoni

Stage, seminari, percorsi formativi, schemi di scambio tra giovani, festival internazionali di circo per bambini e ragazzi... con sempre maggiore frequenza partecipiamo a partenariati europei e inviamo gli operatori italiani all’estero. Le preziose opportunità di scambio aumentano ogni anno e abbiamo bisogno di qualcuno che coordini la partecipazione delle scuole, operatori e allievi italiani ai tanti schemi di scambio che ci vengono proposti. Ma anche di considerare l'opportunità di organizzare noi stessi schemi di scambio, o candidarci ad ospitare in Italia il NICE Meeting, l'incontro europeo degli operatori e scuole di circo educativo...

 

 

focus group: Formazione e Progetto Pedagogico

facilitatore: Stefano Bertelli

Siamo continuamente impegnati ad aggiornare la nostra proposta formativa, adeguandola alle ultime ricerche e sperimentazioni nel campo della pedagogia del circo, utilizzando i risultati e le esperienze accumulate in quasi 20 anni di proposte formative in Italia, dal gruppo di lavoro dell’EYCO e le indicazioni scaturite dai progetti CATE e PEYC. Quali sono le richieste, i suggerimenti che il settore ci restituisce per migliorare le nostre proposte? Come realizzare un “passport” sul quale vengano certificati i percorsi formativi effettuati con noi o presso altre realtà ad indirizzo pedagogico?Progetto Pedagigico: uno strumento già elaborato e utilizzato dalle scuole professionali e dalle maggiori federazioni e scuole di circo ludico-educativo. Come sollecitare le scuole ad elaborarne/adottarne uno proprio.Come costruire una filiera che permetta a chi si avvicina al mondo delle arti circensi attraverso animazioni di circo di poter poi conoscenere/entrare nelle scuole di circo ludico-educative e successivamente nelle scuole di arti circensi professionali

 

focus group: Creatività ed Innovazione

facilitatore: Camilla Peluso

Tempo di affiliazioni. Dopo un anno di infruttuoso dialogo con la UISP parleremo anche di assicurazioni e affiliazioni delle scuole di circo agli enti di promozione sportiva.

focus group: Comunicazione e promozione

facilitatore: Adolfo Rossomando

Come possiamo migliorare la comunicazione tra il team di CircoSfera e le scuole, gli operatori, i festival? Come possiamo migliorare la comunicazione e la promozione delle nostre attività rivolta al mondo esterno e alle istituzioni? In questo momento in cui stiamo ristrutturando l'intero media project Juggling Magazine e stiamo sviluppando un sito web specifco per il progetto CircoSfera, quali suggerimenti e necessità arrivano dalle scuole e dagli operatori sugli strumenti, i contenuti, le modalità da adottare insieme?



focus group: Sviluppo e Coinvolgimento del Pubblico

facilitatore: Adolfo Rossomando

G&D è impegnata con il progetto Quinta Parete nel miglioramento e ampliamento della relazione con il pubblico appassionato di circo contemporaneo.. Quest'anno abbiamo presentato alla Fondazione San Paolo, per il bando Open 2016, un progetto pilota che, se approvato, coinvolgerà nel 2017 circa 20 scuole di circo educative di Piemonte e Liguria e i 3 festival di circo educativo presenti nelle due regioni. Un innovativo progetto pilota che ci piacerebbe estendere anche alle scuole disseminate nelle altre regioni italiane. Al Meeting ci confronteremo su possibilità, tempi, target e modalità di questa estensione.


in chiusura di giornata: Reflection Notes & Release

Reflection Notes & Release

conduttori Michele Paoletti (Circo Instabile - PG) e Stefano Bertelli (Circo Libera Tutti - PI)

Momento finale di condivisione ad inizio e metà settimana del Meeting, "Reflection Notes & Release". Un bel modo di fare una veloce valutazione e condivisione delle varie attività che tutti svolgono nell'arco della giornata, considerando che i partecipanti non possono seguire tutti gli incontri del Meeting.

 

 

 

 

attività per esterni

Il Meeting è una importante occasione di promozione delle attività di Circo per Bambini e Ragazzi sul territorio. Per questa ragione Spazio Nu, in corrispondenza delle date del Meeting, ha organizzato un calendario di appuntamenti e incontri aperto a tutta la cittadinanza e ad altre realtà che si occupano di attività con i giovani.

 

 

attività serali

dal giovedì al sabato sera è prevista una programmazione di attività e spettacoli serali ospitata nelle strutture del Meeting. Ecco un elenco provvisorio:

 

Circus Olympic Games


Giocare giocare e poi… continuare a giocare. Il mondo degli operatori di circo da anni sviluppa e diffonde il valore pedagogico del gioco attraverso molteplici modalità e occasioni. Questa volta saranno gli operatori a divertirsi: una serata di giochi fra tutti noi, dove lo scopo principale sarà quello di stare insieme e divertirci. La ludicità fatta in persona, per cui preparatevi a condividere un momento libero e divertente dove la parola chiave sarà mettersi in gioco…

 

 

Skill Sharing


La volontà e la necessità di condividere, è sempre stata un punto cardine del Meeting, e anche questa’anno un intera serata sarà dedicata a questo, La palestra e i locali di Spazio Nu saranno disponibili per tutti, chi se la sente proponga.. giocoleria, equilibrismo, acrobati aerea, danza, tango e.. “chi più ne ha più ne metta”… Dal giovedì troverete sulle mura parlanti, dove tutti i nostri cartelloni saranno appesi, un bellissimo manifesto dove potersi segnare per condividere con chi vuole le proprie conoscenze. Sappiamo bene tutti che dare equivale a ricevere…

 

 

Dance Floor


Gli immancabili momenti di festa del Meeting, alimentati dalla gioia dei partecipanti, conditi a profusione da buona musica e danze, e ispitìrati dal focus sulla danza presente nel programma, troveranno qui a Spazio Nu, centro di sviluppo della danza contemporanea, l'occasione e l'atmosfera per serate di grandie, coinvolgente energia.

 

 

Body Soul

Spettacolo degli allievi della scuola di Circo En PIste (Firenze)

Vi accompagneremo nei contenitori del nostro Io, esamineremo la materia tangibile del nostro essere: dall’acrobatico miracolo dei tessuti che ci danno la vita, alla giocoleria delle connessioni che danno la coscienza. Uno sguardo circense sull’anima del corpo umano vivamente consigliato a tutti coloro che hanno un corpo.

 

 

Varekai del Cirque du Soleil a sostegno di AltroCirco