Juggling magazine

Il Circo, un Mondo in Città

 

IL CIRCO, UN MONDO IN CITTA'
a cura di Alessandro Serena

testi di F. Mocellin, R.Bianchin, A.Giarola, L.Urban, M.Martini, G.Pretini, R.Leonardi, E.Vita, A.Michelotti, A.Serena
Edizioni Stampa Alternativa
Formato 15x21 cm.
Pagine 160, con 150 illustrazioni
ISBN 88-7226-966-0
prezzo di copertina 18 €


Arriva il circo!! Una frase bella e squillante. Ma oggi viene esclamata con gioia o piuttosto sospirata con compatimento? Difficile dirlo. Come è difficile dire se il rapporto fra città e tendone sia vissuto con spirito di festa o fastidiosa sensazione di ingombro. Anche per questo la compagnia Arcipelago Circo Teatro ha organizzato, nella cornice del Teatro Goldoni di Venezia, un incontro con artisti, giornalisti, storici, ed operatori del settore del circo e delle arti di strada. Ognuno è intervenuto secondo le proprie competenze per raccontare un aspetto del complesso rapporto fra lo spettacolo popolare ed il nucleo urbano. Gli interventi di quella tavola rotonda sono ora riuniti in questo volume con l’intento di raccontare la relazione fra i saltimbanchi e le istituzioni cittadine dalle antichità ad oggi, prendendo in esame gli aspetti più vari. Si parte con una cavalcata attraverso ere e continenti che tratteggia un panorama storico e geografico dei rapporti tra le arti circensi e le città. Poi c’è una cruda istantanea della situazione pratica in cui si muove oggi l’azienda circo nei rapporti con le istituzioni. A seguire una spietata analisi della scarsa attenzione riservata dai mass media alle discipline dello spettacolo popolare. Poi un gruppo di interventi di natura storica. I veti medievali alle discipline della strada. Lo spettacolo in palco e in strada a Venezia nei secoli XVII e XVIII. L’attività e la fruizione di “circo di piazza” a Roma a cavallo fra Otto e Novecento. E ancora un pezzo sull’uso della carta stampata (lettere, contratti, cartoline sino ai manifesti) da parte delle imprese circensi nelle varie epoche. E l’analisi delle diverse scansioni temporali sotto un tendone o sotto il tetto di una casa. Chiude il volume un’area dedicata a modelli di superamento della crisi. Con il racconto dell’anomalia “Cirque Bidon”, un gruppo di saltimbanchi che viene amorevolmente accolto da comuni ed enti pubblici. Il resoconto del crescente successo dei festival di arti di strada e la loro simbiosi con i centri urbani. Infine la situazione del circo classico e contemporaneo in Italia, con particolare riferimento all’esperienza veneziana di Arcipelago Circo Teatro. Il volume è pubblicato grazie al sostegno del Ministero dei Beni e le Attività Culturali, del Comune di Venezia e del Teatro Goldoni. La ricerca del materiale iconografico è invece a cura del Centro di Documentazione delle Arti Circensi di Verona (www.articircensi.org).