Juggling magazine

Circo-Educatore

Università degli Studi di Udine, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Facoltà di Scienze della Formazione, Corso di laurea in Educazione Professionale
Titolo Tesi: Circo-Educatore; una realtà possibile?
Il ruolo dell’educatore professionale nell’ambito di progetti di circo sociale
Autore: Marco Grillo - marcogrillo88@libero.it, cell 340 8304849
Relatore: Prof Claudio Melchior, correlatrice Dott.ssa Sara Sibona
Anno accademico: 2009/2010
Data discussione: 14 aprile 2011

Descrizione sintetica tesi:
l’obbiettivo della ricerca è stato duplice: da un lato quello di individuare quale sia il ruolo dell’educatore professionale nell’ambito di progetti di circo sociale, identificando poi una figura professionale, qui chiamata Circo-Educatore, che possa al meglio rivestire tale ruolo specifico; e dall’altro quello di ipotizzare un possibile percorso di formazione per il Circo-Educatore, (ovvero l’educatore professionale che unisce, al suo percorso di studi universitario nel corso di laurea in Educazione Professionale, una formazione dalla quale ne risultano competenze artistico/circensi tali da poter gestire anche le componenti artistiche, oltre a quelle socio-educative, di un progetto di circo sociale). Per fare ciò ho deciso di calarmi all’interno di due realtà molto importanti, e sotto certi aspetti molto differenti, che si occupano di circo sociale, per studiarle secondo il metodo della ricerca sul campo: la prima, considerata una delle prime realtà nelle quali è nato il fenomeno, è la fondazione Parada, a Bucarest (RO), dove ho svolto un’esperienza di tirocinio internazionale come educatore, artista e insegnante di circo della durata di sei settimane; e la seconda è l’associazione di promozione sociale “ViviamoInPositivo” (VIP APS), con sede a Torino, che attua specifici percorsi laboratoriali di circo sociale in svariati contesti dell’ambito minorile torinese (come il carcere minorile, l’ospedale infantili, comunità per minori, centri di aggregazione, scuola e situazioni di educativa di strada), dove ho svolto il mio ultimo tirocinio universitario per un periodo di quattro mesi.
Sono stati utilizzati strumenti di raccolta ed analisi dati sia di tipo quantitativo (un questionario di autovalutazione sulle capacità di fronteggiamento e un questionario di osservazione per adolescenti) che di tipo qualitativo (interviste qualitative semi-struturate, osservazione partecipante, schede di valutazione dell’attività) ed è stata a posteriori formulata una riflessione sui possibili strumenti specifici per tale analisi e la costruzione di essi.
Si è proceduto con la definizione del profilo professionale dell’educatore professionale posto all’interno dei progetti di circo sociale, la definizione del profilo professionale del Circo-Educatore e del bilancio di competenze ad esso richieste, ed un analisi dei possibili percorsi formativi post-universitari che possano fornire competenze tecnico-metodologiche specifiche per operare in progetti di circo sociale.