Juggling magazine

Circo Sociale - Area di interesse, attività e sviluppo del Circo Sociale

Università degli studi di Tor Vergata, Facoltà di Medicina e Chirurgia, corso universitario in Scienze Motorie 
Autore: Alessandra Manzone
rosmaryclown@gmail.com
Relatore: Prof. Stefano D'Ottavio
Correlatore: Dott. Gioacchino Paci
Anno accademico: 2011/2012

Il Circo Sociale

Il termine circo sociale è un mezzo di intervento sociale che utilizza la pedagogia delle arti circensi per la diffusione del benessere sociale là dove si presentano situazioni di disagio derivanti da molteplici fattori: disabilità psichiche, fisiche e condizioni di vita disagiate.

L’intervento

In questi anni è ormai stato riconosciuto il bisogno di intervenire nel Sociale, poiché è un settore nel quale bisogna intervenire e soprattutto innovare. Chiaro è altresì il fatto che con “Sociale” si intendono molteplici situazioni che presentano situazioni di disagio, il quale conseguentemente, comporta molto spesso l’emarginazione nella società delle persone disagiate. Negli ultimi decenni gli interventi sono stati molteplici e sono stati utilizzati e sperimentati molti mezzi, come il teatro, l’arte terapia, l’artigianato, l’insegnamento di competenze tecniche relative ad opportunità di lavoro. Spesso però in molti di questi interventi è stato dimenticata persona, la situazione di provenienza e il fatto che prima di tutto la rieducazione principale potesse concentrarsi sulla consapevolezza di possedere risorse, capacità e quindi ripristinare l’autostima senza necessariamente dover estrapolare dal contesto sociale di provenienza, lasciandola poi in balia di una società spesso non pronta ad accogliere, con il rischio quindi al ritorno nel disagio quasi come se il lavoro svolto non fosse esistito. L’approccio alle arti circensi grazie alla loro multidisciplinarità e alla potenzialità di ricerca creativa propria della arti espressive permette ai bambini ed ai ragazzi di partire dalle loro risorse e non da ciò che a loro manca rispetto al canone di “normalità” socialmente riconosciuto.  Per questo si adatta alle molteplici situazioni di disagio, agendo appunto su quel punto fondamentale della riscoperta delle proprie potenzialità e risorse contribuendo alla costruzione dell’autostima e dell’autonomia. L’intervento è quindi per la persona, rispettando la provenienza e la sua essenza, senza che essa senta la necessità di essere diversa da ciò che è. Il circo sociale si pone perlopiù come collegamento tra le persone che vivono nel disagio e la società, aiutando a sviluppare nei ragazzi la capacità di utilizzare come risorse e non come deficit, gli ostacoli e le difficoltà affrontate nella vita.