Juggling magazine

Tommaso Panagrosso

 

Penso che la tecnica esalti il genio e mi rendo spesso conto che sono uno "schiavo libero" di essa. Dico schiavo perché per avere una tecnica pulita,priva di movimenti parassiti devi allenarti  per ore quasi tutti i  giorni. Libero perché più è sviluppato il  tuo vocabolario più sei  libero di esprimerti, quando non sei più vittima dell'oggetto l'inconscio prende forma.
Mi piace la continuità nel  movimento,non spezzare mai una linea o un respiro a meno ke non  sia voluto.Odio ritrovarmi alla fine di una sequenza ii apnea...E' un lento crescere pieno di solitudine e incertezze...
Molti dei mie pomeriggi li passo da solo in una stanza, metto la musica e gioco per ore... se a fine giornata trovo anche solo un passaggio ogni fatica sparisce,mi sento leggero e felice.Adesso sono quasi 5 che  gioco con una pallina e non  nascondo che molte volte è dura allenarsi. E' importante riuscire a farlo con piacere, con gusto,magari fare meno ma con intensità.
Io mi sento  molto  fortunato perché posso allenarmi più o meno sempre e ovunque,anche guardando un film o facendo i piatti...Sul palco mi rendo sempre piu' conto che mi nascondo dietro la tecnica,vorrei essere capace di stare in scena 5 minuti a far niente, fare uscire più me stesso e prendere più rischi, magari anche degli schiaffi in pieno viso..