Juggling magazine

Play

Play

via Magenta 27/29, 23871 Lomagna (LC)
tel 039 5300351 - playjuggling@gmail.com
www.playjuggling.com   

Leggi la sua storia     

Play e il mercato globale

a cura di Davide Cattaneo

Anche quest’anno Play S.r.l., unica azienda in Italia specializzata nella progettazione e produzione di attrezzi professionali per giocolieri, ha partecipato all’International Toy Fair (Norimberga, 3/8 febbraio 2011), la fiera numero uno per l’esposizione di giochi, giocattoli e hobbistica che riunisce tutte le aziende più importanti del mondo. Il 2011 è  partito in modo estremamente positivo per Play, con ottime prospettive di crescita e la conferma di essere ormai riconosciuto come un marchio importante a livello internazionale da parte di tutti gli operatori del settore. Il segreto di questo piccolo miracolo made in Italy risiede in una costante ricerca sul campo. Fin da quando nel 1998 mi sono affacciato alle convention di giocoleria ho intuito di poter fare di questa mia passione una vera e propria rivoluzione all'interno della piccola azienda familiare, fino a quel momento quasi interamente dedicata allo stampaggio di materie plastiche in genere. Vivere le convention da giocoliere, instaurare collaborazioni con artisti di tutto il mondo, respirare l'aria degli ambienti in cui nascono e si sviluppano nuovi stili e tendenze di questa piccola ma iperattiva comunità, mi ha permesso di mettere a frutto tutto il sapere e le risorse tecnologiche messe a disposizione da mio padre, Giuseppe Cattaneo, un uomo straordinariamente generoso e lungimirante. Avere un padre che costantemente mi dà supporto e carta bianca nello sviluppo di progetti apparentemente strampalati, con il quale condivido la gioia di creare prodotti originalissimi, di portare con orgoglio il made in Italy e il nostro nome in tutto il mondo, è di sicuro la mia più grande fortuna.
E' stato così che lottando per emergere in un mercato di nicchia dominato da pochi grandi marche, Play è riuscita a distinguersi e a conquistare la fiducia dei giocolieri di tutto il mondo, progettando attrezzi ormai popolarissimi come le clave PX3, le palline SIL-X, i cerchi B-SIDE e le mitiche palline MMX, solo per citare i più famosi. Alla base di  ognuno di questi progetti ci sono mesi di ricerche applicate, studi di nuove tecnologie, test di materiali e importanti investimenti in stampi e macchinari creati ad hoc per garantire il massimo risultato in termini di qualità e affidabilità dei prodotti. Le idee molto spesso sono nate dalla necessità di trovare una soluzione ai problemi più ricorrenti di tutti gli attrezzi, aggiungendo un tocco di originalità. Non dimentichiamo infatti che tutti gli attrezzi di giocoleria sono destinati ad essere maltrattati e sollecitati come pochi e la robustezza dei prodotti Play è da sempre la caratteristica principale, nonché il nostro maggiore motivo di vanto. Il brevetto PX3 ha di fatto cancellato i problemi di fragilità delle clave con l'anima in legno, le palline MMX sono morbide come una beanbag e indistruttibili allo stesso tempo e le SIL-X, nate come variante delle palline russe, si sono rivelate di gran lunga più stabili e versatili.
La fiera di Norimberga è stata anche l'occasione perfetta per l'anteprima mondiale della nostra ultima innovazione - D CLUB, calzante esempio della ricerca applicata per la quale ci caratterizziamo nel settore. Una clava monoscocca nata dal desiderio di mantenere la robustezza, l'affidabilità e la semplicità strutturale della nostra clava PRIMA, aggiungendo caratteristiche tecniche fuori dal comune senza penalizzarne leggerezza e bilanciamento. Un'idea di cui andiamo molto fieri e che siamo certi verrà recepita con la stesso entusiasmo dimostrato dai distributori che hanno visitato il nostro stand a Norimberga.
Il nostro obiettivo è quello di continuare su questa strada, nella speranza che attraverso le nostre creazioni e l'attenzione che dedichiamo alle esigenze dei giocolieri, si percepisca la grande passione che mettiamo nel nostro lavoro. Un impegno reso ancora più necessario dalla crescente distribuzione di prodotti di scarsa qualità importati dal mercato asiatico, che svalutano e sminuiscono gli ingenti sforzi in termini di ricerca e sviluppo, nonché economici, che noi produttori europei impieghiamo per offrire prodotti certificati e affidabili