foto di testata: Fabio Monasterolo

Covid 19 > Reloaded

Effetti, contro effetti, riflessioni, iniziative che il nostro settore ha realizzato nei primi 3 mesi della crisi, in risposta alla pandemia e alle restrizioni adottate/imposte. Una "instantanea" per fotografare lo stato del settore in questo frangente.

Link al form online per partecipare a questa raccolta di testimonianze

https://jugmag.typeform.com/to/xKQWcx

IL POSTO

di Wanda Moretti

1) Impatto
Naturalmente al contatto con i miei danzatori e con gli amici che spesso sono la stessa cosa, e poi  al movimento, allo spazio, al processo di creazione con la mia Compagnia.

2) Resistenza&Resilienza
Ho terminato la mia lunga quasi ventennale ricerca sulla danza verticale; prodotto due video sulla storia, origini e motivi che hanno dato avvio a questa forma di danza; creato delle lezioni online ricche di spunti e che non terminassero dopo la "durata oraria" della sessione stessa; aperto dialoghi con colleghi coreografi nel panorama internazionale; approfondito temi di lavoro e di processo.

3) Opportunità
Al momento non riesco a vedere il futuro, perlomeno non quello collettivo, credo che si riapriranno alcuni progetti per la compagnia nel senso di qualche lavoro rimasto 'sospeso'. Non ci sono progetti a lungo termine, stiamo aspettando senza voler aspettare. Immagino che la passione che ci unisce non si spenga, ne abbiamo sentito la spinta nei mesi passati e ne sentiamo l'urgenza ora costante.

4) SOS
È sempre difficile pensare di dover chiedere supporto, abbiamo sempre fatto tutto con le nostre mani, il nostro corpo e in prima persona! L'arte di strada ha pochissimi legami e le categorie separano, non conosco la soluzione, ci stiamo mobilitando, facendo qualche bando all'estero e continuando tenacemente a proporre le nostre creazioni. Proseguiamo testardamente nello studio, la ricerca e la formazione su ogni piano possibile, di questo corpo ora infetto e virale, corpo vivo o immaginario che sia.

5) Aneddoti
La città spettrale e la sparizione delle persone

6) Vita Privata
La ricerca di costruire una didattica di pratiche che potesse rispondere alle esigenze di distanziamento e trasmissione online e contemporaneamente essere stimolante e arricchente nel dopo. 

Questa sezione è sostenuta da
sostieni la creazione di 30 corner Juggling Magazine in Italia